chiudi

Castelluccio

˙
Castelluccio

Castelluccio

Castelluccio
Castelluccio
CLL1
CLL1
castelluccio-noto-mammasicily (3)
castelluccio-noto-mammasicily (3)
castelluccio-noto-mammasicily (7)
castelluccio-noto-mammasicily (7)
Castelluccio Sede di un antichissimo popolo preistorico siciliano, Castelluccio è un’area magica dove i silenzi e gli orizzonti dominano le sensazioni del viaggiatore.
Siamo nel 2.000 a.C. e questi preistorici siciliani abitavano in capanne circolari.
CastelluccioCastelluccio fu la sede di un popolo preistorico che passerà alla storia per aver dato il nome ad un particolare tipo di arte ceramica (la “castellucciana”) decorata con linee brune su fondo di colore giallo-rossastro, con alcune decorazioni anche in tricromia con l’uso del bianco.
Particolarissimi erano anche degli ossi globulari e le armi di bronzo.
A Castelluccio vi è un’imponente necropoli con tombe a grotticella scavate nella roccia. Tra le altre, splendida è la cosiddetta tomba del principe (monumentale, con pilastri, foto).

 

 
Porta delle Tombe scolpite in rilievo

Queste tombe erano spesso chiuse da porte scolpite in rilievo con simboli a spirale alla superficie e motivi che richiamano l’atto sessuale (foto).Nella parte più alta di questa collina, sono anche i ruderi di un castello medioevale che si confondono con costruzioni più antiche.
L’area è selvaggia, praticamente (e fortunatamente) “abbandonata” dall’uomo.
E questa sorta di solitudine immersa tra i carrubi della Sicilia orientale dona a Castelluccio un alone di magia veramente unico.

 

 

 

 

 

castelluccio-noto-mammasicily (3)

 

 

Dentro l’area archeologica ricade anche un  castello del XIV secolo, di cui si possono vedere i ruderi ed un panorama meraviglioso.

 

 

 

 

castelluccio-noto-mammasicily (7)

 

Poco oltre l’area archeologica, nel versante opposto si puo anche visitare la Grotta dei Santi, un oratorio rupestre le cui pareti sono decorate con immagini di Santi della tradizione bizantina, che ci rimanda alla devozione popolare delle comunità che vivevano in quest’area all’epoca della Sicilia normanna e sveva (XII e XIII secolo).

Luoghi correlati

Grotta Monello

La grotta Monello, di origine carsica, impostata sulle calcareniti dei monti Climiti ha uno sviluppo complessivo di 540 metri ed è ricchissima di concrezioni calcaree come stalattiti e stalagmiti,...

Noto antica

Noto Uno dei grandi capolavori della Sicilia archeo – naturalistica dove  paesaggio e opere dell’uomo trionfano. Noto Antica si chiama in questa maniera per distinguerla dalla nuova,...

Ddieri di Baulì

Ddieri di Baulì I Ddieri dall’arabo Al diar (casa) sono abitazioni scavate nella roccia. Sono caratteristici di quest’area iblea e si trovano nelle pareti di canyon a dir poco inaccessibili...