chiudi

Mandralisca

˙
Mandralisca

Mandralisca

Mandralisca
Mandralisca
GYmnzRcZYZytweV-556x313-noPad
GYmnzRcZYZytweV-556x313-noPad

Sull’antica “strada Badia” (oggi via Mandralisca), è questo museo. Sembra quasi di entrare a casa della famiglia Mandralisca, che abitava questa ottocentesca dimora e che aveva nel barone un filantropo, studioso ed intellettuale che raccolse il materiale oggi qua esposto.
Il bellissimo museo nella bellissima Cefalù, comprende diverse collezioni: pezzi archeologici, la pinacoteca, una raccolta malacologica, il monetario e persino mobili ed oggetti di pregio.

Fiore all’occhiello del museo sono due riconosciuti capolavori: il magnificoRitratto d’Uomo (spesso identificato con l’altro nome: Il sorriso dell’Ignoto Marinaio), opera di Antonello da Messina; un sorriso beffardo avvolto in uno sguardo malizioso, che letteralmente calamitano l’attenzione del visitatore.
Secondo la tradizione sarebbe stato rinvenuto dal barone Mandralisca a Lipari. Questo capolavoro dell’arte sarebbe stato usato come sportello nel retrobottega di una farmacia.
Sembrerebbe essere il ritratto di un nobile o facoltoso personaggio quattrocentesco.

L’altro grande capolavoro presente al museo è il cratere siceliota a figure rosse su fondo nero detto del Venditore di tonno. Si tratta di un “cratere a campana” datato negli anni 370 a.C. anch’esso rinvenuto a Lipari, vera e propria fucina per il barone Mandralisca. L’archeologia è inoltre presente con quattro “crateri” di ceramica attica “a figure rosse”, una collezione di lucerne ellenistiche, romane e cristiane, e una statuetta della dea Demetra del IV secolo a.C.
Di grande pregio il mobilio, appartenuto sempre al barone facoltoso, tra i quali: una porta laccata in stile veneziano, piatti in maiolica, un servizio di cristalleria in vetro di Murano.
Notevolissima anche la collezione di monete greche e romane, provenienti da tutta la Sicilia.Tra esse il magnifico decadramma siracusano firmato da Eveneto, col volto di Aretusa, e la moneta, col volto di Filistide, moglie di Ierone II, tiranno di Siracusa.
La biblioteca e la sezione macalogica (quest’ultima con una bellissima collezione di conchiglie marine, terrestri e di acqua dolce) fanno il resto.

Luoghi correlati

Rocca di Cefalù

  Rocca di Cefalù e Cefalù Cefalù, che in greco significa tutta testa, deve il suo nome alla rocca che la sovrasta (foto) che ha appunto una forma cefaloide. Paesino bellissimo è ricco di...

Museo d’arte sacra di Gibilmanna

Tra le catacombe e l’omonimo santuario di probabile origine bizantina (VI secolo !), in un paesaggio fiabesco (i boschi delle Madonie), ecco il museo di Gibilmanna (dall’arabo “Gibel el...

Museo Naturalistico Madonita

Bellissimo ed importantissimo museo che conserva le collezioni realizzate dal naturalista Francesco Minà Palumbo, nel corso di studi svolti con costanza nel territorio delle Madonie fra il 1837 e il...