chiudi

Informazioni generali

Informazioni generali

Informazioni generali

La Sicilia è la più grande isola del Mediterraneo.

E' anche la regione più estesa dell'Italia. E' costituita, oltre che dall'isola maggiore, da altre due isole (Ustica e Pantelleria) e da tre arcipelaghi: Eolie (isole di: Lipari, Vulcano, Panarea, Alicudi, Filicudi, Salina, Stromboli); Pelagie (isole di: Lampedusa, Linosa, Lampione); Egadi (isole di: Favignana, Marettimo, Levanzo)

E' separata dall'Italia dallo Stretto di Messina: circa 3.5 km traghettabili in neanche 20 minuti e che uniscono la città di Messina (in Sicilia) con quella di Villa San Giovanni o Reggio Calabria (in Calabria).

Amministrativamente è divisa in 9 provincie (che prendono il nome dallo stesso loro capoluogo).

Popolazione: cc 5.000.000

Superficie: 25.711  km2

Capoluogo: Palermo (cc 1 milione di abitanti con la provincia)

Capoluoghi di provincia: Palermo, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Siracusa, Ragusa, Trapani

Particolarità: Enna (931 m s.l.m.) è il capoluogo di provincia più alto d’Italia; Floresta (provincia di Messina) è il comune più alto di Sicilia con i suoi 1275 metri s.l.m.; l’isola Ferdinandea è stata un’isola vulcanica, a largo della parte meridionale dell’isola di Sicilia, che improvvisamente apparve nel 1831 per poi scomparire alcuni mesi dopo; dall’Etna passa il meridiano con longitudine +1; Siracusa è stata l’antica capitale dell’isola prima di venire sostituita da Palermo durante la dominazione araba (dall’827); i fiumi di Sicilia hanno spesso carattere torrentizio per buona parte dell’anno (da Giugno fino a Dicembre); la Sicilia si è unita all’Italia il 21 Ottobre del 1860; la Sicilia è forse il posto al mondo dove sono stati presenti più dominatori di una certa importanza (Greci (VIII sec a.C.), Cartaginesi (VIII sec a.C.), Romani (III sec a.C.), Bizantini (535 d.C.), Arabi (827 d.C.), Normanni (1060), Svevi (1194), Angioini (1270), Aragonesi (1282), Sabaudi (1713), Austriaci (1720), Borboni (1734), Italiani (1860); la Sicilia è la regione italiana con la maggiore ricchezza di aree naturalistiche, ovvero con più verde (circa il 15% del territorio);

Montagne principali (dei vari gruppi montuosi siciliani): Etna (3330 m); Pizzo Carbonara sui monti Madonie (1979 m); Monte Soro sui monti Nebrodi (1847 m); Rocca Busambra sui monti Sicani (1613 m); Montagna Grande sui monti Peloritani (1374 m); Monte Pizzuta dei monti di Palermo (1333 m); Monte Altesina sui monti Erei (1192); Monte Lauro sui monti Iblei (986 m)

Economia: turismo, agricoltura, industrie varie

Reddito pro capite mensile: euro 1200

Clima: in linea generale il clima in Sicilia è caratterizzato da: estati lunghe (da Maggio a fine Settembre) calde (28 gradi di media con picchi anche vicino ai 40) e con piovosità praticamente quasi assente (se in questi mesi si contano 10 giorni di pioggia è già tanto); primavera (marzo e aprile) ed autunno (ottobre, novembre), bellissime e dai mille colori con clima mite (23 gradi di media) e con piovosità anche in questo caso molto scarsa; l’inverno è ridotto ai mesi di Dicembre, Gennaio e Febbraio con temperature medie di circa16° e con una piovosità che può essere anche abbastanza copiosa (ma non supera mai i 2 giorni di media a settimana). Tutto quanto detto vale in linea generale per i paesi della costa e dell’interno che non superano un’altitudine di 300 metri s.l.m. La particolare conformazione del paesaggio siciliano, pieno di rilievi sparsi qua e la, rende complicata una generalizzazione climatica. Così in molti paesi sopra i 500 metri le temperature si devono ritenere di almeno 5 gradi più basse e nei paesi sopra i mille di almeno 8 gradi più basse. Può anche nevicare (certamente sull’Etna sopra i 1600 metri).

Fuso orario: + 1

Lingue: Italiano. L'Inglese è abbastanza diffuso, specie nelle zone verso la costa. Gli anziani dell'entroterra parlano un italiano frammisto al vernacolo siciliano.

Religione: in maggioranza cattolica

Moneta: Euro

Prefisso telefonico per la Sicilia: 0039

 

 

Aerei, Treni, Strade e navi per la Sicilia

Aerei: In Sicilia gli aereoporti internazionali sono quattro: Falcone-Borsellino (Palermo); Vincenzo-Florio (Trapani); Vincenzo Bellini (Catania) e Comiso (Comiso). Questi coprono perfettamente l'intera isola. In ogni caso le distanze massime in Sicilia non sono mai così improponibili (Marsala-Catania raggiunge neanche 300 km). Così, se si dovesse atterrare a Trapani e il vostro alloggio si trova dalla parte opposta, a Catania, basta prendere un autobus (o un treno) ed in circa 4 ore raggiungete la destinazione. E’ anche presente un altro aeroporto, quasi internazionale: a Lampedusa (Lampedusa 35° parallelo).

Treni Le ferrovie non passano certo per il punto di vanto dell'intera Italia anche se negli ultimi anni le cose sono decisamente migliorate. Continua comunque ad essere un mezzo di trasposrto decisamente scomodo ed, in estate, dal caldo insopportabile. Se avete deciso lo stesso di affrontare il viaggio in questa maniera, sono tanti i treni che dall’Italia giungono in Sicilia. Per maggiori informazioni http://www.trenitalia.com/

Autostrade La Sicilia è collegata all’Italia dall’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria che altro non è che il tratto finale di un articolato e ben coperto sistema autostradale che garantisce una buona comunicazione in tutta la penisola italiana. Arrivare in Sicilia, dunque, non è poi così complicato. La distanza è di circa 1200 chilometri per chi viene da fuori Italia, ma tutti di autostrada, ripetiamo. Una volta giunti a Villa San Giovanni (o Reggio Calabria) si deve prendere il traghetto che porta nell’isola di Sicilia (vedi a seguire).

Nave-traghetto Se siete arrivati sin qua, siete quasi in Sicilia ! A Villa San Giovanni (o a Reggio Calabria) diversi traghetti partono continuamente alla volta della più grande isola del Mediterraneo che in neanche 20 minuti di traversata verrà raggiunta. Si possono imbarcare macchine e animali. Il ticket si paga direttamente sul posto.

Navi La Sicilia può essere raggiunta via nave dai seguenti altri posti:: Genova (20 ore); Napoli (10 ore); Roma (12 ore); Barcellona (Spagna, 30 ore); Malta (3 ore)); Tunisi (6 ore)

 

Aerei, treni, strade e navi in Sicilia

Aerei  Viaggiare in aereo in Sicilia a senso solo se si vuole raggiungere Lampedusa (dagli altri aeroporti)

Treni  E’ molto bello viaggiare in treno in Sicilia, soprattutto se la rotta passa per l’entroterra dove i campi di grano e le brulle e solitarie montagne del centro isola, contornano perfettamente il romantico mezzo di trasporto. A dirla tutta, le ferrovie non passano certo per il punto di vanto della penisola italiana ma in Sicilia, grazie ad una bella mano d’aiuto data dal paesaggio, le magagne strutturali vengono in qualche maniera mitigate. Segnaliamo inoltre un altro trenino, vera e prorpia attrattiva del paesaggio etneo: la Circumetnea la quale, come dice il suo stesso nome, copre un semiarco che avvolge l’Etna da Catania a Giarre, passando tra campi di lava, antiche colate, boschi … con lo sguardo imperioso del vulcano a non lasciarvi mai.

Autostrade Attualmente sull’isola ci sono le seguenti autostrade: A18 (a pagamento) Messina-Catania (76 km); A19 Catania-Palermo (192 km); A20 (a pagamento) Messina-Buonfornello (183 km) e quindi si aggancia alla A19  proseguendo verso Palermo (o Catania); A29 Palermo-Mazara del Vallo (119 km) con una deviazione anche per Trapani (che in totale dista poco più di 80 km da Palermo); A18 Catania-Rosolini (110 km), che ha lo stesso nome della Messina-Catania della quale è una specie di prolungamento

Strade Le strade siciliane anche se a volte non proprio impeccabili, in linea generale sono di buona fattura. Certamente incantevoli quelle dell'entroterra, dove il tempo si è proprio arreso alle lancette, smettendo di scorrere.

Navi A seguire i principali punti di imbarco per raggiungere le maggiori isole siciliane. Milazzo per le Isole Eolie. Palermo per Ustica. Trapani e Marsala per le Egadi. Porto Empedocle e Mazara del Vallo per le Pelagie. Mazara del Vallo per Pantelleria.

Motocicletta  Infine, un’ultima annotazione da non trascurare: l’isola è una mototerra, ovvero è perfetta per i motociclisti. Difatti, oltre ad essere “estremo d’Europa”, e come tale mitizzata dalla categoria dei bikers, la Sicilia regala paesaggi unici alla due ruote. Una vera e prorpia danza tra montagne verdi di grano, piccoli borghi rurali, orizzonti infiniti di pace e silenzi e, completamente all’opposto, la vivacità della costa, i tramonti del mare … Il tutto in compagnia di un clima eternamente perfetto.

 

Documentazione Necessaria per l'Accesso in Italia

Carta d’identità per i paesi facenti parte della comunità europea.

Passaporto per i paesi non appartenenti alla comunità europea.

Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Visto: non necessario

 

Alcuni Prezzi di Alcune Cose

Vale per tutti il criterio approssimativo.

Acquisto appartamento due vani in città principale (Catania, Palermo, Siracusa, Agrigento, Messina, Trapani): euro 80.000

Acquisto appartamento due vani in entroterra: euro 30.000

Benzina e gasolio: euro 1.4 a lt

Un chilo di pane: euro 2

Pranzo o cena in un ristorante medio: antipasto tipico siciliano (euro 8), pizza (euro 10), piatto di pasta (euro 10), fetta di carne con contorno (euro 15), pesce con contorno (euro 18), frutta o dolce (euro 5), caffè (euro 1), birra (euro 2), acqua (euro 1), coca cola (euro 2)

Pranzo o cena in un ristorante di buon livello: euro 60 a pax

Pizza e birra: euro 15

Un caffè al bar: euro 0,60

Un ingresso al cinema: euro 6

Un massaggio in un centro: euro 30

Una t-shirt souvenir: euro 12

Al supermercato: latte (euro 0.80), 1 pacco di biscotti o brioche (euro 2.50), 1 coca cola da 2 lt (euro 1.50), 1 birra italiana (euro 1), 1 pacco di pasta (euro 0.80), 1 pacco di riso (euro 2), 1 kg di mele (euro 1.50), 1 kg di pomodori per insalata (euro 2), 1 kg di limoni o arance (euro 1), 1 kg di cipolle (euro 1), 1 kg di patate (euro 1.50), 1 mazzo di lattuga (euro 0.50), 100 gr di prosciutto (euro 1.50), 100 g di parmigiano (euro 1.50), 1 salame (euro 3), 1 mozzarella (euro 0.80), 1 burro (euro 1.50), 6 uova (euro 1.50), 1 fetta di carne per arrosto (euro 4), 1 porzione di carne mista (euro 8), 1 hamburger (euro 1), 1 porzione di coniglio (euro 5), 1 porzione di pollo (euro 5), 1 pollo arrosto con patatine fritte (euro 8), 1 fetta di pesce spada (euro 8), 1 pesce da fare arrosto (euro 8), 1 kg di cozze (euro 5), merluzzo (euro 25 al kg), gamberetti (euro 20 al kg), 1 bagno schiuma o shampoo (euro 2), 1 detersivo per piatti (euro 1), 1 lt olio d’oliva (euro 4), 1 lt olio per friggere (euro 2), aceto (euro 1), lattina di pomodoro per salsa (euro 0.80), i barattolo di maionese (euro 2), 1 pacco di sale (euro 0.50), 1 pacco di zucchero (euro 1), 1 barattolo di marmellata (euro 2), 1 yogurt (euro 1), tonno in scatola (euro 1), limoncello (euro 5), whisky (da euro 10), 1 bottiglia di vino siciliano (euro 6), 1 bottiglia d’acqua (euro 0.30), chewing gum (euro 1), 1 gelato (euro 1), 1 pacchetto di sigarette (euro 4)

Ombrellone e 2 sdraio in un lido privato: euro 10, intera giornata

Un taxi per girare tutto il giorno una città: euro 50