chiudi

Fiume Irminio

˙
Fiume Irminio

Fiume Irminio

Fiume Irminio
Fiume Irminio
irminio-river-1
irminio-river-1
irminio-river (1)
irminio-river (1)
nutria
nutria

irminio-river (1)L’Irminio nasce negli Iblei, presso monte Lauro, ed è il fiume più lungo della provincia ragusana. Ha un carattere prevalentemente torrentizio e sfocia nel mar Mediterraneo dopo un percorso di 52 Km.
L’omonima area naturalistica si trova nell’area posta alla foce del fiume Irminio e comprende una zona costiera denotata da una costa bassa e sabbiosa, con dune e falesie verticali.

E’ un meraviglioso esempio di vegetazione naturale,  testimonianza di come le coste siciliane si presentavano storicamente.
Il fiume Irminio non manca di mitiche tradizioni, fra le quali quelle di essere stato abitato dal dio Mercurio. Tale tradizione ha origine da Plinio il Vecchio che nel III libro “Naturalis Historia” fa derivare il nome di Irminio da Ermete che per i romani (Hermes)indicava il dio Mercurio.
Nell’antichità il fiume, come molti altri in Sicilia, era navigabile e rappresentava una rotta preferenziale per effettuare scambi commerciali con le zone interne dell’entroterra ibleo.
Numerosi sono i riferimenti storici che citano l’area della foce come scalo, rifugio e porto canale, già attivo in epoca greca e romana.
Poi il disboscamento sulle sue rive ha cambiato il regime del fiume facendolo diventare torrentizio.
Questo ha portato all’insabbiamento della foce con formazione del cordone dunale in seguito al trasporto di detriti fluviali.
La macchia-foresta, una fascia litoranea di vegetazione che per un chilometro accompagna le dune, rappresenta un raro esempio di vegetazione naturale a “macchia-arborea”, certo il più imponente in Sicilia.
Sono presenti piante, quali l’erba kali, la calcatreppola marittima, il ravastrello comune, il giglio di mare, il ginepro coccolone, l’efedra fragile, il lentisco,  il thè siciliano,  l’asparago, la tamerice, il giunco pungente,il fiordaliso delle spiagge …
Dove la costa si innalza formando piccole falesie si rinvengono numerosi esemplari di palma nana e timo arbustivo.
Lungo le sponde del fiume è presente una vegetazione ripariale costituita da alberi d’alto fusto che costituisco la componente arborea della macchia-foresta come salici, pioppi e anche qualche eucalipto.

nutriaLa fauna è costituita, per la maggior parte, da uccelli migratori che usano la riserva come area di sosta durante la migrazione dall’Africa al nord Europa e viceversa: il martin pescatore, l’airone cinerino, il cormorano, la garzetta , la nitticora, la marzaiola , il tarabusino  la gallinella d’acqua e altri.
Tra gli anfibi sono segnalate la rana verde  ed il rospo.
Per i mammiferi è presente la volpe  il coniglio, la donnola.
Merita infine una menzione la presenza della nutria (foto), una sorta di castoro siciliano.

Da visitare il museo naturalistico nel Centro Visite.

 

Luoghi correlati

Cava Randello

Bellissimo lembo di macchia mediterranea situato fra punta Braccetto e Scoglitti, due perle a ridosso del mare ragusano. E questo angolo di paradiso si fionda, con la sua folta pineta, in una baia che...

Pino D'aleppo

  La riserva occupa la parte bassa del corso del fiume Ippari e ricade nell’area compresa tra l’abitato di Vittoria e la foce. E’ stata istituita per salvaguardare quello che...

Museo Ibleo di Arti e Tradizione Popolare

A Modica, nel settecentesco Palazzo dei Padri Mercedari (del XVIII secolo che durante la peste del 1709 fu adibito a lazzaretto) è ubicato il Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari. In questo...