chiudi

Museo Civico di Castelvetrano

˙
Museo Civico di Castelvetrano

Museo Civico di Castelvetrano

Museo Civico di Castelvetrano
Museo Civico di Castelvetrano
643
643
Il museo Civico espone numerosi reperti provenienti dalla vicina Selinunte, dai bronzi alle ceramiche.
Grande vanto del museo è certamente l’Efebo di Selinunte, tutt’oggi uno dei ritrovamenti più importanti avvenuti non solo nella zona archeologica selinuntina, ma di tutta la Sicilia.
Si tratta di una statua bronzea alta 85 cm., cava, che raffigura la figura di un giovinetto, nuda, di autore ignoto (480-470 a.C.), e che simboleggia la bellezza idealizzata della mascolinità greca.
Efebo era il nome che nell’antica Grecia (a partire dal IV secolo a.C.) designava il giovane che, raggiunto il 18° anno di età, veniva istruito insieme nel corpo e nell’anima con insegnamenti di educazione fisica e di cultura artistica ( letteratura, filosofia , musica), oltre che militare (veniva inviato, un anno dopo, nelle guarnigioni di confine).
La statuetta è stata ritrovata nel 1882 nella necropoli di contrada Galera. Restaurata la prima volta nel 1929, venne trafugata dal Municipio di Castelvetrano ed avventurosamente recuperata dopo alcuni anni, fu affidata per un secondo restauro all’Istituto Centrale del Restauro.
Altro importante reperto archeologico è la Lamina plumbea iscritta in due colonne, capovolte l’una rispetto all’altra; è la più grande fra quelle finora note, datata nel secondo quarto del V secolo a.C.
L’iscrizione riporta le norme relative ad alcuni rituali ed una serie di istruzioni per i riti di purificazione.

 

Ricchissima la collezione di ceramica attica a figure nere (inizio VI secolo a.C.) ed a figure rosse (dal 530 a.C.).
Meravigliosi i vasi, e la sottigliezza delle linee, che dovevano essere tracciate con pennelli speciali, sottilissimi e forse costituiti da una sola setola.

 

Tra tutti, menzioniamo un bel cratere a figure rosse con Sileni.

 

La struttura del museo espone anche una statua in alabastro dellaVergine col Bambino della bottega di Francesco Laurana (1468).

Luoghi correlati

Foce del Fiume Belice

La riserva si estende fra Marinella di Selinunte ed il promontorio di Porto Palo. Comprende il tratto terminale del fiume Belice e le caratteristiche dune(piccoli rilievi di sabbia trasportata e...

Selinunte

  Selinunte     Altra poderosa città del periodo greco della quale oggi si conservano diversi ruderi che dominano l’acropoli, affacciandosi sul mare Africano. Selinunte fu fondata...

Antiquarium Selinunte

All’interno delle meravigliose rovine di Selinunte è l’omonimo Antiquarium, nei pressi della fonte della Gaggera e del Tempio M. Selinunte fu fondata nel 650 a.C. e venne così chiamata...