chiudi

Foce del Fiume Belice

˙
Foce del Fiume Belice

Foce del Fiume Belice

Foce del Fiume Belice
Foce del Fiume Belice
foce_fiume_belice_N
foce_fiume_belice_N

La riserva si estende fra Marinella di Selinunte ed il promontorio di Porto Palo.
Comprende il tratto terminale del fiume Belice e le caratteristiche dune(piccoli rilievi di sabbia trasportata e depositata dal vento) con aree periodicamente inondate dalle acque del mare.
Il fiume Belice è un corso d’acqua a carattere stagionale, nasce a Piana degli Albanesi, nell’interno della Sicilia e dopo un corso di 77 km si getta in mare, nella zona della riserva.
La foce ha zone depresse che periodicamente vengono inondate dall’acqua salmastra.

L’ultimo tratto del fiume, penetra all’interno della riserva seguendo un percorso quasi rettilineo per poi distendersi parallelamente al litorale e, dopo aver formato un’ultima ansa, si getta nel mare.

Airone cenerinoQua sostano e nidificano molte specie di uccelli. Segnaliamo il fratino, la gallinella d’acqua, il beccamoschino, la cannaiola, l’Airone cenerino (foto) e il Beccapesci.

La spiaggia della riserva è un sito di ovodeposizione della tartaruga marina Caretta caretta.

E’ da segnalare la presenza di numerose specie di insetti legati alle dune, molti dei quali a rischio di estinzione, come: il brachitripe megacefalo, un grillide diffuso in Africa, presente in Italia solo in una ristretta area della Sardegna e in alcune aree della Sicilia; la cavalletta delle graminacee, specie endemica che vive fra i cespugli di agropiro e ammofila, rimasta solo in alcune spiagge della Sicilia meridionale e orientale; e il geotrupe marginato, coleottero che si nutre di sterco di ovini e conigli selvatici, diffuso in Africa e in Italia solo in pochissime coste della Sicilia meridionale.

Il litorale sabbioso è caratterizzato da psammofite, piante adattate a sopportare l’aridità, la salsedine e la mobilità delle particelle del suolo.

Foce del Fiume BeliceSulle dune vere e proprie, bellissime, ci sono macchie alte fino ad un metro di sparto pungente, una graminacea che fissa con le sue radici la sabbia.

Dove il fiume si avvicina al mare è presente una vegetazione tipica degli ambiente inondati per lunghi periodi dell’anno costituita da cannuccia palustre, lisca maggiore, menta d’acqua, equiseto e giunco pungente.

Luoghi correlati

Museo Civico di Castelvetrano

Il museo Civico espone numerosi reperti provenienti dalla vicina Selinunte, dai bronzi alle ceramiche. Grande vanto del museo è certamente l’Efebo di Selinunte, tutt’oggi uno dei ritrovamenti...

Selinunte

  Selinunte     Altra poderosa città del periodo greco della quale oggi si conservano diversi ruderi che dominano l’acropoli, affacciandosi sul mare Africano. Selinunte fu fondata...

Antiquarium Selinunte

All’interno delle meravigliose rovine di Selinunte è l’omonimo Antiquarium, nei pressi della fonte della Gaggera e del Tempio M. Selinunte fu fondata nel 650 a.C. e venne così chiamata...