chiudi

Adrano, Mendolito ed il Ponte dei Saraceni

Siculi, Greeks, Romans

Adrano, Mendolito ed il Ponte dei Saraceni

Il ponte dei Saraceni
Il ponte dei Saraceni
Adrano, la cinta muraria
Adrano, la cinta muraria
Vista del fiume Simeto da Adrano
Vista del fiume Simeto da Adrano
La rocca su cui sorgeva Adrano
La rocca su cui sorgeva Adrano
Adrano, city walls
Adrano, city walls
Il ponte dei Saraceni
Il ponte dei Saraceni
Il fiume Simeto scorre sotto il Ponte dei Saraceni
Il fiume Simeto scorre sotto il Ponte dei Saraceni
Grotta preistorica accanto al ponte dei Saraceni
Grotta preistorica accanto al ponte dei Saraceni
Il ponte e gli aranceti attorno
Il ponte e gli aranceti attorno
Il bellissimo lastricato del ponte
Il bellissimo lastricato del ponte
Mendolito, cinta muraria e porta d'ingresso
Mendolito, cinta muraria e porta d'ingresso
Adrano, la Città di Mendolito e il Ponte dei Saraceni Cinta MurariaNella parte occidentale della provincia di Catania, la città greca di Adrano del V sec. a.C. era una delle più importanti della Sicilia. Oggi i suoi ruderi sono tristemente inglobati nel cemento. Ma rimane visibile un eccellente tratto della possente cinta muraria (foto) con blocchi di pietra lavica di oltre tre metri e mezzo. La cinta, risalente probabilmente al 400 a.C. presenta enormi pietre squadrate poggiate una sopra l’altra, senza malta a legarle, tipica costruzione siceliota (dei greci di Sicilia).
Alcune pietre sono rotonde e certamente servivano per il trasporto in loco di quelle quadrate (si vedono, difatti, dei fori per l’aggancio delle travi). Ed una volta là, gia che c’erano, venivano messe nella cinta.
Ad Adrano si trovava anche un famoso tempio: quello dell’ omonimo dio indigeno che si dice aveva il tempio circondato da cento ferocissimi cani. Tracce di questa costruzione potrebbero individuarsi nelle sedici colonne di basalto dell’ attuale chiesa madre.
Porta in ingressoMa secondo molti altri studiosi  le tracce di questo tempio sono da ricercarsi a valle vicino al fiume Simeto, dove sono i ruderi, tra “gustosissimi” aranceti, della città di Mendolito. Si vede meno di niente e ci si arriva con una guida (o agricoltore) a supporto.
Mendolito venne fondata dai Siculi verso il X secolo a.C. e successivamente ellenizzata (V secolo a.C.). Rimangono le possenti pietre della sua monumentale porta di ingresso in pietra lavica (ricostruzione in foto) dove fu rinvenuta una scritta in siculo, ancora oggi non decifrata (conservata al Museo Orsi di Siracusa). Certamente era una scritta di benvenuto.
Tra i tanti ritrovamenti da segnalare il famoso tesoro di bronzo, oggi sparso un po’ dovunque.
A sud della città del Mendolito, in località Sciare Manganelli, si trova una delle necropoli del sito con una tomba a pianta circolare al quale si accedeva attraverso un breve dromos (corridoio).
Ponte dei SaraceniLe tombe erano costruite direttamente sul banco lavico e risultavano destinate ad accogliere più individui appartenenti quasi certamente alla stessa famiglia.
Pochi chilometri a valle di Adrano (circa 8 chilometri), dove scorre il fiume Simeto (il più lungo della Sicilia), sono gli imponenti resti romano – arabo – normanni del ponte dei Saraceni (foto).
Un’elegantissima costruzione in pietra lavica ad arcate ogivali infilata nel silenzio delle buonissime arance di questa parte di Sicilia. Il ponte, di originaria probabile costruzione romana, ha un chiaro stile arabo-normanno.  Incantevole.
Il ponte subì il fascino di diversi viaggiatori del Grand Tour che lo riportarono in acquarelli ed incisioni varie. E’ chiaramente, non transitabile. Non tanto perché non reggerebbe l’eventuale peso ma perché porterebbe da niente a niente !
Il bellissimo dongione normanno, in pieno centro cittadino, ospita un interessante museo archeologico.

Luoghi correlati

Museo Regionale di Adrano

Solo la sede del museo vale il prezzo del biglietto: il castello normanno a pianta rettangolare, di 33m di altezza, del XII secolo Il museo ospita soprattutto materiale proveniente dal territorio di...

Museo di Centuripe

    Centuripe è stata una delle grandissime regine della Sicilia antica, greca e soprattutto romana. Il museo, per conseguenza, è bellissimo con tutto che le depredazioni clandestine,...

Riparo Cassataro

Riparo Cassataro In contrada Picone, a ridosso del fiume Simeto, è questa grotta (riparo) dove sono presenti alcune incisioni fatte da preistorici siciliani (5.000 a.C. ?). Sono pitture in ocra...