chiudi

Monte Altesina (Riserva Naturalistica)

˙
Monte Altesina (Riserva Naturalistica)

Monte Altesina (Riserva Naturalistica)

Monte Altesina (Riserva Naturalistica)
Monte Altesina (Riserva Naturalistica)
5774
5774
Monte Altesina (Riserva Naturalistica) Monte AltesinaIl Monte Altesina, con i suoi 1.192 m di quota, è la vetta più alta degli Erei che gli arabi, nel IX secolo, presero come punto trigonometrico dell’isola da qua dividendola in 3 valli: Mazara, Noto e Demone. E questa suddivisione rimase nei secoli dei secoli … È formato da depositi siliceo-argillosi risalenti a 25 milioni di anni fa (Flysh Numidico) che si trovavano sul fondo del mare e sono stati sollevati in seguito alla collisione del continente africano con quello euroasiatico. Monte Altesina conserva, tra i suoi tesori naturalistici, la sorgente principale del Dittaino frequentata dalla biscia d’acqua.

 

Tomba, Monte AltesinaNell’area sono state rinvenute tombe dell’età del bronzo e del ferro (foto), frammenti di ceramica sicula e greca e varie tracce della presenza umana databili fino al periodo tardo-normanno.
Sono presenti boschi di roverella, lecci (un sempreverde che può raggiungere i 25 metri di altezza),  pino ed eucalipto.
La riserva ospita numerosi mammiferi, fra cui la volpe, il gatto selvatico, il topo quercino, il cinghiale, l’ultimo arrivato daino ed altri.
Alcuni rapaci sono tornati a nidificare da queste parti. Lo sparviere, in particolare, nidifica sui rami più alti degli alberi o, a volte, anche in mezzo ai cespugli.
Di notte si possono ascoltare i richiami del barbagianni, della civetta e dell’allocco.

GhiandaiaNei boschi va segnalata anche la presenza della Ghiandaia (foto)

Il Monte Altesina, la cui cima permette un’osservazione a trecentosessanta gradi, è stato popolato, fin dall’antichità, da popolazioni indigene prima e greche poi, di cui rimangono diverse testimonianze e successivamente, a partire dal medioevo, vi si stabilirono diversi eremiti che eressero un convento accanto alla chiesa di Santa Maria di Lartesina di cui oggi restano solo dei ruderi.

 

 

 

 

Cima AltesinaIn cima, tra uno splendido lecceto, una misteriosa grotta con all’esterno un’indecifrata iscrizione in siculo (foto 4, circa 800 a.C.)

La sua sommità servì soprattutto per il controllo delle vie di penetrazione, ma fu anche rifugio delle popolazioni locali durante le incursioni degli invasori.

 

Luoghi correlati

Monte Altesina

Monte Altesina Punto trigonometrico della Sicilia secondo gli Arabi, che dalla sua cima divisero l’isola in tre fette: Val Demone a est, Val di Mazara ad occidente e Val di Noto a sud. Splendida...

Contrada Scaleri (Riserva Naturalistica)

È un’area che presenta rocce della formazione gessoso solfifera che vanno incontro a fenomeni carsici che caratterizzano la riserva. Il valore naturalistico risiede nella contemporanea presenza di...

Bosco di Sperlinga

Bel bosco ricco di roverelle ai piedi del monte Zimarra. L’area, posta nei comuni di Sperlinga e di Nicosia, comprendeva anche una parte della alta valle del fiume Salso Cimarosa, l’antico...