chiudi

Museo Archeologico Regionale di Gela

Museo Archeologico Regionale di Gela

Museo Archeologico Regionale di Gela

Museo Archeologico Regionale di Gela
Museo Archeologico Regionale di Gela
beniculturali-dirbenicult-areariservata-eventi-upload-MusGela-15-9-2014-gela-1
beniculturali-dirbenicult-areariservata-eventi-upload-MusGela-15-9-2014-gela-1

Gran bel museo che racconta soprattutto la storia della potentissima Gela (e immediati dintorni), città siceliota del V sec a.C.
All’ingresso del museo fa bella mostra la statua di uno dei cittadini più illustri dell’antica Gela: Eschilo (foto), nato ad Eleusi ma vissuto per lungo tempo e deceduto a Gela.
La preistoria partecipa all’evento, tra gli altri, con: ceramiche a decorazione incisa nello stile di S. Cono, Piano Notaro e ceramiche a decorazione dipinta nello stile di S. Ippolito (entrambe del III millennio a.C.); un particolarissimo vaso cultuale contenente sette corni fittili (2500 a.C.); ceramica e bronzi protostorici (1200-700 a.C.).
L’età greca presenta, chiaramente, una ricchissima e variegata collezione documentata dalla straordinaria importanza di Gela a quei tempi.
Tra i vasi attici a figure nere (fine VI, inizi V sec. a.C.) si ritrovano opere attribuite al Pittore di Gela e al Pittore di Eucharides.
Tra i vasi attici a figure rosse (prima metà del V sec. a.C.) sono esposti quelli del pittore di Boreas, del pittore della Phiale di Boston, del pittore dei Porci …
E ancora: una lucerna fittile a tre vasche decorata da protomi umane alternate a protomi di ariete, un’antefissa a maschera gorgonica, VI sec. a.C (foto 1) , una lekithos attica a fondo bianco con scena di Aiace che insegue Cassandra, una statuetta fittile di Artemide con cane e fiaccola, orecchini aurei del tipo semilunato con raffigurazione di volatili.
Da segnalare anche i resti del carico del “relitto di Gela”, una nave mercantile greca affondata davanti al porto della città.
Le monete del periodo siceliota sono bellissime.  Il commercio esercitato dai Geloi consisteva nell’esportazione dei prodotti del suolo e della coroplastica (uso della terracotta per la produzione dei vasi), oltre che nell’Isola, in Grecia e a Roma.
Inventata poco dopo l’VIII secolo a.C., le monete furono da prima d’elettro (una miscela naturale d’oro e argento).
Le monete e le medaglie di Gela, del V secolo a.C.,  effigiavano i suoi tiranni, il minotauro, una spiga di grano ed i cavalieri (la fama della cavalleria geloa era largamente diffusa nella tradizione degli scrittori antichi). Una delle monete oggi più conosciute è il Tetradramma di Gela (foto) con la protome del toro “androprosopo”, cioé a testa umana con attributi taurini, personificazione del fiume Gela ed emblema della monetazione geloa.
Il monetiere del Museo di Gela, costituito da circa 2000 esemplari, oltre alle monete di epoca greca espone pure quelle dell’Età romano-repubblicano, romano-imperiale, bizantina, medievale e moderna.
Ad oggi il museo contiene circa 4.200 reperti, divisi su una superficie di 2 piani, cronologicamente distribuiti dalla preistoria all’età medievale
Questa la disposizione dell’impianto museale:

Piano terra
Sezione I – La storia, la preistoria, l’acropoli e l’acropoli (dalla fondazione al V secolo a.C.)
secolo a.C.), l’Emporio, la Nave.
Sezione II – L’Heraion, la città fra il IV e il III secolo a.C.
Sezione III – Le Fornaci, l’Epigrafia.
Sezione VIII – Le Necropoli greche, la Collezione Navarra, la Collezione Nocera.

Primo piano
Sezione IV – Le anfore.
Sezione V – I Santuari extraurbani.
Sezione VI – Il territorio dalla Preistoria all’età greca.
Sezione VII – Il territorio dall’età romana all’età medievale.

 

Luoghi correlati

Gela

Gela Città di straordinaria importanza nel passato, una delle più potenti del mar mediterraneo nel VI sec a.C. Oggi i suoi ruderi sono veramente ridotti a brandelli ma la sabbia ha...

Antiquarium Iconografico di Capo Soprano

Situato dentro il parco archeologico a ridosso delle poderose mura di fortificazione Timoleontee, espone fotografie, ceramiche, monete, …  rinvenuti in zona. La foto mostra una Tetradracma di Gela...

Biviere di Gela

Il Biviere di Gela è il più grande lago costiero della Sicilia, ed una delle principali “aree di sosta” degli uccelli migratori.  Il lago si sviluppa, in direzione est-ovest, con una...