chiudi

Grotta dei Puntali

Il regno degli Elefanti Nani

Grotta dei Puntali

Can you see the bat?
Can you see the bat?
Grotta dei Puntali
Grotta dei Puntali
Bones of  200 million years ago!
Bones of 200 million years ago!
Bones in the wall of the cave
Bones in the wall of the cave
Dwarf Elephant at the Gemmellaro museum in Palermo
Dwarf Elephant at the Gemmellaro museum in Palermo
At the bottom of the cave
At the bottom of the cave
The little museum inside the spot
The little museum inside the spot
The landscape outside the cave
The landscape outside the cave
The entrance of the cave
The entrance of the cave
The wild vegetation outside
The wild vegetation outside
Helmets inside to protect from the walls and the bats!
Helmets inside to protect from the walls and the bats!
Another bone trapped in the stone wall
Another bone trapped in the stone wall

 

 

elefante-nano

Posto bellissimo e pieno di fascino.

A ridosso del mare di Carini era la tana di molti Elefanti nani, che hanno vissuto in Sicilia. Ma c’erano anche altri “colleghi” quali Ippopotami, Iene, Bisonti, Cinghiali … Parliamo di appena 200 milioni di anni fa !

Poi venne l’uomo preistorico, quello che impazziva per le grotte, (case gia belle e  pronte) e prese possesso di questa grotta (20.000 anni addietro)

 

puntali-cave-mammasicily-4

Sono stati rinvenuti frammenti ceramici, punti di selce, lame, grattatoi e bulini, a cui si associano resti di bos primigenius e cervus elaphus,  grandi vasi a pareti spesse, due scodelloni che presentano una decorazione incisa a denti di lupo, orci, bottiglie, scodelle dalla decorazione molto varia.

 

 

puntali-cave-bone-mammasicily (3)

grotte dei puntali

 

Ma sono i graffiti parietali il vero colpo d’occhio di questa cavità.
All’interno, nello sperone roccioso a sinistra dell’ingresso, sono incise due figure zoomorfe (un equide ed un piccolo cervo), ed una terza figura parziale di un bovide su di una pietra.
Il cervo, di piccole dimensioni, privo della testa è rappresentato di profilo con gli arti dritti, l’equide con la testa protesa in avanti nell’atto di brucare.
Nelle altre cavità della stessa falesia (Riparo del Fico, Riparo Armetta II) sono presenti altre incisioni. Si tratta in genere di linee che vengono accompagnate talvolta da coppelle, incavi circolari.
All’interno del Riparo Armetta III le incisioni sembrano formare due rappresentazioni solari: si tratta di segni tracciati a raggiera che si dipartono da due fori preesistenti.

 

 

 

 

 

Luoghi correlati

Grotta di Carburangeli

GPS: 38°10’02.3″N 13°09’40.8″ L’area è tutelata per il suo valore speleologico e naturalistico. La cavità si trova in formazioni carbonatiche del...

Grotta Za Minica

Grotta Za Minica Altra grotta siciliana abitata prima da estinti animali pleistocenici (elefanti, bovini, cervi, ippopotami …) e poi dall’uomo che al posto delle ossa animali ha lasciato vari...

Isola delle Femmine

L’isola delle Femmine è una piccola isola, di  forma ovale, con le coste caratterizzate dalla presenza di trattoir a vermeti ovvero biocostruzioni simili ai coralli, realizzate dai molluschi della...