chiudi

Grotta di Santa Ninfa

˙
Grotta di Santa Ninfa

Grotta di Santa Ninfa

Grotta di Santa Ninfa
Grotta di Santa Ninfa
Sninf_gall_7
Sninf_gall_7

La riserva è costituita da un altopiano di natura gessosa, caratterizzato dalla presenza sia di fenomeni carsici sotterranei (grotte) che superficiali (doline, inghiottitoi e valli cieche).

Sono presenti 60 cavità dalle forme bizzarre, a cavallo dei comuni di Gibellina e Santa Ninfa, di natura carsica di cui quella più grande e di maggiore interesse naturalistico è proprio la Grotta S. Ninfa che si estende per 1400 m ed è alimentata da un piccolo fiume sotterraneo: il Biviere che nasce dal monte Finestrelle (dove è presente una necropoli di origine protostorica, costituita da nicchie scavate nei gessi, della civiltà degli Elimi vissuta nell’area)

PisolitiLa grotta è caratterizzata da due sistemi di gallerie sovrapposte: il ramo fossile superiore, ormai quasi asciutto, è ricco di spettacolari formazioni (cupole, canali di volta, meandri, ecc.) testimonianza dell’antico passaggio delle acque; il ramo inferiore, attivo, è caratterizzato da scorrimento idrico e da una continua azione d’erosione e sedimentazione.
Le concrezioni presenti (colate e colonne, stalattiti ed infiorescenze parietali) raggiungono le dimensioni di qualche metro ed interessano gran parte delle gallerie e dei saloni. In alcune zone, infine, nell’acqua limpida custodita in piccole vaschette, si sviluppano le pisoliti (foto), dette anche “perle di grotta” per la loro bellezza e rarità.

L’elevato valore naturalistico della grotta di Santa Ninfa è legato inoltre alla presenza di una interessante fauna cavernicola, adattata all’elevata umidità e all’assenza di luce, è particolarmente interessante, soprattutto per la recente scoperta di un nuova specie di artropode: il millepiedi Choneiulusfaunaeuropae.

La fauna comprende il riccio, l’endemico toporagno di Sicilia, il coniglio, l’istrice, la donnola, la volpe.
Fra gli uccelli sono ben rappresentati la poiana e il piccolo gheppio, caratteristico per la posizione a “spirito santo” assunta durante la caccia, l’usignolo, la ghiandaia.
E’ di grande interesse la presenza del discoglosso dipinto (foto, Discoglossuspictus), un piccolo anfibio dall’aspetto a metà fra quello di una rana e quello di un rospo, che vive solo in Sicilia.
Nell’area del Biviere, troviamo euforbia arborea, del timo e delle orchidee selvatiche; nei valloni è presente una rigogliosa vegetazione ripariale, di grande interesse per l’elevata diversità della flora.

Luoghi correlati

Monte Polizo

Monte Polizo Una eterna missione archeologica sta portando alla luce i ruderi di quella che doveva essere un’importante città elima (VIII secolo a.C.) che taluni hanno individuato in Halyciae....

Museo Civico di Castelvetrano

Il museo Civico espone numerosi reperti provenienti dalla vicina Selinunte, dai bronzi alle ceramiche. Grande vanto del museo è certamente l’Efebo di Selinunte, tutt’oggi uno dei ritrovamenti...

Foce del Fiume Belice

La riserva si estende fra Marinella di Selinunte ed il promontorio di Porto Palo. Comprende il tratto terminale del fiume Belice e le caratteristiche dune(piccoli rilievi di sabbia trasportata e...